giovedì 23 febbraio 2017

La accendiamo? Una card luminosa - Light up card

International folks, please scroll down!

Questo San Valentino ho voluto stupire il Grinch con effetti speciali. Quando oltre un anno fa ho acquistato il set Turn Me On di Lawn Fawn avevo in mente qualcosa di sorprendente, ma non avevo avuto il tempo di mettermi all'opera. Poi qualche mese fa sono riuscita a ordinare i led adesivi di Chibitronics e li ho tenuti da parte pazientemente, in attesa di trovare un giorno abbastanza calmo per fare esperimenti creativi. Ovviamente il giorno abbastanza calmo non è mai arrivato, ma la sera di San Valentino ho tirato fuori tutto l'armamentario, ho rivolto un pensiero affettuoso alle lezioni di fisica del liceo e ho provato a costruire il mio circuito per creare una card luminosa.

Ho frequentato il liceo scientifico, ma ho sempre avuto una predilezione per le materie umanistiche. Per me il pensiero Kantiano era meno ostico della forza di attrito, chiamatela predisposizione, propensione, non so, fatto sta che avrei preferito cento volte la versione di latino al compitino di geografia astronomica. Tra tutte le materie scientifiche, quella che meno era nelle mie corde era proprio la fisica, salvo rarissime eccezioni. Capite bene che mettermi a costruire un circuito elettrico era l'ultima cosa che avrei pensato di fare il giorno di San Valentino, vero? E invece...i casi della vita...


Il punto di partenza è una card normale con un doppio strato, in modo da inserire il circuito elettrico nel mezzo. Per la mia ho creato una base in carta kraft su cui ho timbrato alcuni cuoricini con l'inchiostro marrone. Il pannello superiore invece è tagliato in cartoncino bianco con la fustella  Inside & Out Stitched Rounded Rectangles di My Favorite Things. Ho costruito la scena con il set Turn Me On, che trovo semplicemente adorabile, e alla base ho timbrato la scritta del set e un piccolo cuore, che sarebbe stato poi il pulsante da premere per far illuminare la card. Ho colorato tutto utilizzando le matite acquerellabili Derwent, che ho usato anche per creare lo sfondo in diversi toni del rosa, diluendo molto il colore.

Poi è venuto il bello...il circuito. Tanto per cominciare, ho iniziato a sudare, un po' per la concentrazione e un po' per l'eccitazione del momento. Dopo aver visto qualche video su YouTube ho preso il nastro adesivo in rame, la pila e il piccolo led. Positivo con positivo, negativo con negativo, premi bene il nastro per aumentare la conduttività, chiudi il contatto e ... MAGIA ...il led si accende. Non potete capire quanto fossi fiera di me. A quel punto ho iniziato a costruire l'alloggiamento della pila con il biadesivo spessorato, per fare in modo che il circuito si chiudesse solo quando veniva premuto il punto esatto e non per un contatto casuale. La logica è: circuito aperto = luce spenta, circuito chiuso = luce accesa; per chiudere il circuito il filo di rame deve toccare entrambi i lati della pila, cosa che succede quando premiamo il punto che abbiamo scelto sopra la pila. Dopo aver posizionato il biadesivo anche ai lati del pannello, lo appoggio sopra il circuito per verificare che le posizioni di luce e pila corrispondano alle immagini stampate. Premo sopra la pila e nulla, non si accende, buio. MA COME?!?!?! Perché?!?!?! In preda al panico tipico di noi nati sotto il segno dell'Acquario inizio a iperventilare e nell'ordine: premo, schiaccio, urlo, soffio, stacco il led, stacco la pila, riposiziono, cambio la pila, cambio il led. Nulla, non funzionava più. Guardo l'orologio e decido di staccare tutto il circuito e rifarlo da capo. Nulla, non funziona. Riprovo a cambiare la pila, riprovo a cambiare il led. No. Alla fine stacco un altro led, il terzo, e ... MAGIA ... lux fuit. Breve attimo di delirio di onnipotenza. Era il led. Il primo si deve essere fulminato, il secondo forse era difettoso, il terzo funziona ancora dopo diversi giorni. Diciamo che questi led sono costosissimi e delicatissimi. Mi dispiace non essere riuscita a fare qualche foto della costruzione del circuito. Magari potrei replicare con un'altra card, cosa dite? Vi sarebbe utile un tutorial?

Ricordatevi anche di lasciare il vostro commento a questo post per partecipare al giveaway. Avete tempo fino a lunedì.


Alla fine la card è stata un successo...per una volta sulla faccia del Grinch ho visto un'espressione di stupore vero davanti a una mia creazione, lui che forse non saprà mai chi è Kant e che ha sentito parlare del De Bello Gallico solo da Obelix e Asterix, ma che la sera legge ai bambini "La fisica dei Supereroi".
post signature

On Valentine's Day I created a light up card for my hubby... I had Lawn Fawn Turn Me On stamps and I didn't use them yet, so I decided to go for them. I made a kraft base stamped all around with brown hearts, then I added a white panel where I stamped my scene with two little lightbulbs. Under the bulbs I stamped the sentiment and a red heart, that is the button to light up the card. I built my circuit using Chibitronics circuit stickers, copper tape and a battery. Can't tell how much I troubled with my circuit...it was working and I was so proud, then after a moment the light was down...I tried and tried and tried, then in the end I did it...changing three leds was the solution...I suppose they are delicate and next time I should put more attention handling them. I colored my card using Derwent pencils, I like the final result so much...and also the Grinch did!!
Thanks for styopping by!
post signature

With this project I enter the challenge Anything Goes!

14 commenti:

  1. Wow Cristina!!!...Che stupora la tua card!!!...io che alle superiori avevo 4 fisso in tutte le materie scientifiche compreso la matematica...non sarei di certo in grado...

    P.S. Le lampadine sonno davvero uno spasso!!!!

    Monica

    RispondiElimina
  2. Magico potere dello stamping...che ci fa esplorare strade e materiali inimmaginabili...

    RispondiElimina
  3. Such a fun card
    Thank you for joining us at Simon Says Stamp Wednesday Challenge this week.

    Jo x

    RispondiElimina
  4. Ma dai! Il liceo scientifico! Non l'avrei mai detto, per te che sei una persona così poetica... Comunque il risultato è valso lo sforzo: la card è deliziosa!

    PS: io invece non ho ancora messo mano ai miei led.. sei stata decisamente più coraggiosa di me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho adorato il liceo...gli anni più belli...lo rifarei...sarebbe bello tornare sui banchi con una consapevolezza diversa! Buttati con i led...grandi soddisfazioni!

      Elimina
  5. omg questa card è bellissima!!! Le lampadine le adoro... e .. mi mancano! Uffi adesso tu desideri gli hamburgers di let's bbq ed io le lampadine! ahah! :) Un crafty BBQ sarebbe fantastico!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LOL!!! Siamo delle criminali..ci induciamo in tentazione a vicenda! Il BBQ lo dobbiamo proprio organizzare...sarebbe divertente!!!

      Elimina
  6. Cavoli, card bellissima e post spassoso sulla fisica applicata. Brava Cristina!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo leggesse la mia prof di fisica... ;)

      Elimina
  7. Questa è una delle cose più belle che io abbia mai visto. Davvero. E' una card spettacolare. Ti superi ogni volta! Bravissima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cy...ma in rete ce ne sono di meravigliose...io sono soddisfatta della mia!!!

      Elimina